La nascita di un rubinetto

Noi italiani siamo come sempre precursori nella storia e in fatto di rubinetti non veniamo meno a questa regola. Come ci ricordano dal Museo del Rubinetto i primi rubinetti archeologicamente attestati sono le “valvulae” di epoca romana. Si tratta di rubinetti del tipo “a maschio”, in cui la rotazione di un cilindro forato consente o impedisce il passaggio dell’acqua.

Certo dal tempo dei romani ne è passata di acqua sotto i ponti e ora la tecnologia fa parte della rubinetteria in modo inscindibile.

Rubinetti: come vivere senza?

Avete avuto la fortuna di seguire i racconti dei vostri nonni per i quali il bagno in casa era un sogno e molti avevano ancora la pompa dell’acqua in cortile? Questo ci fa capire come, nonostante la nascita del rubinetto sia sì di epoca romana, miscelatori e rubinetti di design come li conosciamo ora sono una conquista della metà del 1900.

Da dove nasce la parola rubinetto? La teoria più accreditata è che derivi da robinet, diminutivo di Robin che nel francese popolare designa il montone e l’ariete, inteso come maschio della pecora. In Francia la chiavetta che regolava la cannella dell’acqua era spesso ornata da una testa di animale (il montone era il più frequente come fregio) e cominciò a essere chiamata robinet, cioè ‘piccolo montone’. Alla fine dell’Ottocento il termine è italianizzato in robinetto e quindi rubinetto.

rubinetteria Palazzani cromatura made in Italy

Come è fatto un rubinetto

La maggior parte dei rubinetti viene prodotta in ottone e poi ricoperta da uno strato di nickel e cromo attraverso un processo di cromatura.

Ovviamente la qualità del rubinetto si distingue dalle materie prime impiegate e dal processo di produzione. Nel nostro stabilimento di Casalmorano puntiamo ad altissimi standard di qualità: la pulitura dell’ottone ad esempio, operazione che precede la cromatura, viene eseguita con sistemi automatici che garantiscono una superficie perfettamente liscia che permette poi alla cromatura di aderire al meglio alla superficie.

In azienda consideriamo la cromatura il nostro fiore all’occhiello, che permette alla rubinetteria Palazzani di brillare per anni nei vostri bagni.

Le superfici dei nostri articoli vengono ricoperte di Nickel e di Cromo con spessori fino a 20 micron, ottemperando a tutti i test più severi di durata nel tempo per accompagnarvi giorno dopo giorno per tantissimi anni.